Mag201211

Oggi ci dedichiamo al miglior amico dell’uomo e alla sua psicologia.

Considerazioni:

Il gesto del cane di saltare addosso, è una manifestazione sociale paragonabile alla nostra pacca sulle spalle come cameratesco saluto. Questo tipico comportamento, di solito rivela un carattere dominate, e viene messo in atto allo scopo di sottomettere il soggetto preso di mira. Spesso i proprietari accettano di buon grado il cucciolo che salta addosso, senza rendersi conto che, quando il cane diventerà adulto, quello che sembrava un innocente gesto di affetto, si potrebbe trasformare in un fastidiosa cattiva abitudine. Allo scopo di risolvere il problema dal punto di vista sociale, è necessario sottometterlo per stabilire chi ha la direzione del gruppo chi è quindi il capo branco.

nozioni per il cucciolo:
nelle occasioni in cui si verifica il comportamento, non enfatizzare i saluti per non agitarlo ulteriormente, ricorda che il suo scopo è di avvicinarsi al tuo viso
quando ti presta troppe attenzioni, ignoralo o allontanalo infastidito, meglio evitare di parlare o di guardarlo direttamente negli occhi
se necessario adotta un comportamento brusco e poco confidenziale
chiamalo stimolandolo al gioco quando non se l’aspetta, eventualmente abbassati per evitare che si alzi per partecipare
se corre per saltarti addosso, all’ultimo momento scansati per non favorirlo, ripetendo se insiste
se corre per saltarti addosso, muoviti nella sua direzione come per travolgerlo eliminando lo spazio utile per alzarsi sulle zampe
non accarezzarlo mai quando ha le zampe anteriori sollevate da terra
non permettergli di saltare addosso in continuazione, se è necessario, tocca le zampe di appoggio con il piede al fine di infastidirlo
accucciati spesso per esser il più possibile alla sua portata e, accarezzandolo, mantieni la mano libera sul suo dorso in modo che non possa alzarsi
educa opportunamente coloro che interagiscono con lui, allo scopo di non procuragli inopportuni rinforzi positivi
nozioni per il cane adulto:

le condizioni base devono essere uguali a quelle del cucciolo
il cane deve conoscere il comando seduto e seduto fermo
approfitta delle occasioni in cui sai che il cane salterà per educarlo
se le occasioni sono rare, puoi simulare le condizioni che lo portano a saltare
tieni a portata di mano dei bocconcini appetitosi, durante le operazioni che verranno illustrate, non devi parlargli o guardarlo negli occhi
per vedere i movimenti, osservalo ma senza incrociare il suo sguardo
devi essere molto abile nel capire quando staccherà le zampe anteriori da terra
scegli una direzione che ti allontani dal cane e tieniti pronto a muovere
nel momento in cui si alza da terra, fai un passo nella direzione che hai scelto (es. se ti sta di fronte, fai un passo indietro)
lo scopo è quello di fargli mancare l’appoggio facendolo cadere pesantemente a terra con le zampe anteriori
se è riuscito comunque ad appoggiare le zampe addosso, allontana le mani dal corpo e muoviti per fargli mancare l’appoggio. Ricomincia
se sei riuscito a scansarti in tempo, rimarrà sorpreso e sconcertato per un attimo ma disposto a saltare di nuovo perciò tieniti pronto a ripetere l’operazione
dai il seduto fermo ma, se salta di nuovo, ripeti il movimento precedente
quando è seduto correttamente, puoi premiarlo con un bocconcino ed una carezza ed una lode vocale
ripeti spesso queste lezioni, in futuro potrebbe bastare una carezza per poi passare alla sola lode vocale
salta addosso agli estranei:

devi avere la supremazia del gruppo ed essere il suo capo branco, di solito è un comportamento dei cani adulti dominanti o dei cuccioli che intendono socializzare in assenza di un capo che li controlli
quando tenta di saltare, o presumi che stia per farlo, trattienilo per il guinzaglio, fallo sedere e allenta la tensione del guinzaglio, ripeti ogni volta che tenta di alzarsi sulla zampe posteriori
attento, se riesce ad appoggiare le zampe addosso all’estraneo, è riuscito a soddisfare il suo desiderio ed ha avuto quindi un rinforzo positivo, memorizza e fai esperienza per il futuro
se insiste , allontananti di un passo, pregando la persona di rimanere ferma sul posto, poniti comunque ad una distanza che non sia stimolante per il cane, poi continua eventualmente la conversazione.
potrebbe essere utile distrarlo per abbattere l’interesse per l’estraneo, a questo scopo sarebbe utile una pratica dell’allegria
se l’incontro è stato fortuito, rimani fermo sul posto, tenendolo sul seduto in attesa che la persona si allontani; lo scopo è di dimostrare che tu non fuggi di fronte a nessuno, mentre sono gli altri a fuggire da te
se la persona è conosciuta, e intendi fermarti a conversare, accordati e poggia una mano sulla sua spalla, enfatizzando il gesto; lo scopo di dimostrare la tua dominanza anche fuori del gruppo e di essere quindi in grado di proteggerlo in ogni situazione, anche senza il suo intervento
nel congedarti dall’estraneo, invitalo ad allontanarsi senza voltarsi, mentre voi restate fermi sul posto; lo scopo è di dimostrare che gli estranei rispettano te come dominante e si allontanano intimoriti
Esistono altri sistemi per risolvere il problema del saltare addosso, più o meno efficaci e più o meno fisici. Io ho adottato questi perché ritengo che, se eseguiti correttamente, danno buoni risultati, senza lasciare spiacevoli ricordi nella memoria del cane.

Tratto da www.dallapartedelcane.it

1 commento

  1. Antonella ha detto:

    Volevo aiuto ho un Pincher nano di 5 anni da molto rumoroso x strada e un amore in casa..ultimamente da quando è stato aggredito da un pastore maremmano ha dei peggioramenti caratteriali del tipo è diventato più aggressivo nei confronti degli altri cani e addirittura ha morso un bambino…come comportarmi?? È il caso di portarlo da un psicologo x cani?

Lascia un commento