Ott201308

Esiste una forma particolare di ansia che sembra avere caratteristiche tali da poter essere catalogata come una categoria clinica a sé stante: l’ansia mattutina.
E’ un particolare tipo di disagio che si riscontra solo nel primo risveglio, nei minuti che precedono l’alzarsi dal letto. E’ un limbo di nonsense tra la tranquillità della notte e la briosità del mattino. Accade che ci si sveglia prima del dovuto; la mente è subito invasa da un profondo senso di inquietudine, da pensieri ansiogeni e ossessivi, per quanto ci si sforzi di rilassarsi. L’avvio della giornata pesa come un macigno; le incombenze quotidiane ci sembrano problemi insormontabili, e, a volte, senza senso. Nella Depressione questi sintomi continuano durante il giorno, con umore depresso e pessimismo dilagante; chi invece soffre solo di ansia mattutina una volta fatta colazione si ritrova un minimo di entusiasmo e di energie per affrontare con il tono d’umore giusto la giornata (anche se a volte prevale la stanchezza fisica). Cosa vuol dirci questo sintomo psichico? Come tutti i sintomi psichici non va “curato”, soppresso, ma bensì ascoltato, compreso. C’è qualcosa nella nostra vita che non corrisponde ai nostri bisogni più profondi, ed è meglio rivolgersi ad uno Psicoterapeuta per affrontare il significato dei nostri infelici risvegli.