Apr201218

Il narcisista perverso.Gli uomini che amano poco riconducibili alla categoria del “narcisista perverso” sono tra quelli che procurano il maggior numero di sofferenze. Il narcisista perverso utilizza le donne come fonte di conferma di sé, le seduce e le lusinga e poi, quando sente che il si è creato un legame d’amore, tende ad abbandonarle. Le telefonate si diradano, le scuse con cui il narcisista perverso si nega diventano sempre più fantasiose e talvolta si fanno assurde. Egli cerca comunque di mantenere un’immagine pulita e positiva, e si concede di tanto in tanto pur di mantenere viva la dipendenza della partner.
Il vero problema del narcisista perverso consiste con ogni probabilità nella ricerca della donna perfetta. Perciò nessuna amante sarai mai abbastanza per lui, anche quando dovesse esaurire tutte le proprie energie nel tentativo di conquistarlo. La frustrazione di questi uomini che amano poco è continua e pressoché ininterrotta in quanto sono destinati a sentirsi soli in un mondo di aliene ammaliatrici e seduttive, dalle quali si sentono minacciati.
Le rare volte che il narcisista perverso entra in un rapporto durevole lo fa con grande slancio ed entusiasmo sopra la media, ma diventa in poche settimane algido e distante, si lascia andare a malumori che sfociano in veri e propri sfoghi di rabbia, e ha un atteggiamento ipercritico verso la compagna. “Devi dimagrire”, “Vai in palestra”, ” Quella camicetta ti sta male”, “Abbassa la voce, sei stridula”, ecc., sono alcune frasi tipiche di questi uomini. Seguono le “fughe”, appuntamenti mancanti, telefoni spenti e, dulcisinfundo tradimenti che però verranno sempre tenuti segreti.
L’ultima caratteristica del narcisista perverso è la sua riluttanza a chiudere definitivamente una relazione. Anche quando il rapporto viene cessato di sua iniziativa, egli finisce per cercare una qualche forma di contatto con le proprie vittime.
In ogni caso, per questi uomini che amano poco le donne sono solo pedine disposte sulla scacchiera di un gioco noioso.

[..]

Apr201204

Allucinazioni, deliri, tendenza ad isolarsi. Chi soffre di schizofrenia a volte perde il senso della realtà e si sente spaventato, confuso. Un tratto tipico di questo disturbo che colpisce l’uno per cento della popolazione adulta, è la disfunzione sociale: l’altro diventa un enigma indecifrabile, genera ansia, portando ad una serie di meccanismi compensatori che si traducono in comportamenti psicotici.

Ciò che non è chiaro in questa malattia complessa ed invalidante è se i deficit sociali riguardino le relazioni con gli altri individui o abbiano le proprie radici nei disturbi dell’esperienza in prima persona del proprio corpo. Ora uno studio italiano dell’università di Chieti e di Parma, guidato da Vittorio Gallese, professore di fisiologia al dipartimento di neuroscienze dell’università di Parma 1, dà una nuova spiegazione della natura dei disturbi sociali caratteristici della patologia, rivelando le alterazioni del funzionamento cerebrale in chi ne soffre. E mettendo in evidenza le basi neurali di uno dei suoi tratti chiave: l’incapacità di stabilire un confine preciso fra il sé e l’altro.

[..]

Mar201231

La Bulimia0

Pubblicato in Articoli

La Bulimia

Una persona affetta da Bulimia Nervosa presenta le seguenti caratteristiche:

Abbuffate ricorrenti caratterizzate dal consumo di grandi quantità di cibo e dalla sensazione di perdere il controllo sull’atto di mangiare.
Comportamenti di compenso. Il vomito autoindotto è il meccanismo di compenso più frequentemente utilizzato, molte persone utilizzano lassativi e diuretici impropriamente, altre fanno esercizio fisico in modo eccessivo.
Le abbuffate e le condotte compensatorie devono verificarsi almeno 2 volte a settimana per tre mesi
– Preoccupazione estrema per il peso e le forme corporee.
Il disturbo non si manifesta esclusivamente nel corso di episodi di anoressia nervosa.

La caratteristica principale della bulimia nervosa è un circolo autoperpetuante di preoccupazione per il peso e le forme corporee -> dieta ferrea -> abbuffate -> vomito autoindotto.
La diretta conseguenza dell’intensa preoccupazione per le forme e il peso in soggetti che basano l’autovalutazione personale sulla magrezza è cercare di dimagrire seguendo una dieta caratterizzata da regole molto rigide. La dieta ferrea è la principale responsabile della comparsa delle abbuffate.
Seguire una dieta rigida in modo perfezionistico porta prima o poi inevitabilmente a compiere piccole trasgressioni che vengono vissute da chi soffre di problemi dell’alimentazione come una irrimediabile perdita di controllo.
Le abbuffate in una prima fase possono dare piacere perché allentano la tensione del dover seguire in modo ferreo la dieta, col passare del tempo determinano però emozioni negative (paura di ingrassare, senso di colpa, vergogna, disgusto) che a loro volta possono innescare nuove abbuffate.
(tratto da Ipsico)

precedente1...891011prossimoPagina 4 di 5